“Denunciare un figlio non è un modo per risolvere i suoi problemi”. E’ di Giovanni, il ragazzo di 16 anni morto suicida a Lavagna, che si parla tra i corridoi del liceo Tasso di Roma. E per discutere di droghe leggere e legalizzazione, gli studenti hanno invitato all’assemblea di istituto Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato ed ex alunno della scuola, e Riccardo Magi, segretario di Radicali Italiani. “Vogliamo informarci perché è una cosa che ci riguarda tutti”, spiegano i ragazzi. E aggiungono: “Le droghe girano, e tanto. Ma politici e giornalisti hanno solo strumentalizzato la storia di Giovanni per fare campagna pro o contro la legalizzazione”. Di fronte ai liceali, Gasparri legge la lettera della madre del ragazzo di Lavagna. A margine dell’incontro spiega di non essersi mai fatto una canna: “Per scelta. Minimizzare sulle droghe è pericoloso”, spiega, e declina la tessera del Radical Cannabis Club contenente un seme di cannabis che Riccardo Magi prova a regalargli. “I fatti di cronaca degli ultimi giorni”, commenta invece il segretario dei Radicali, “confermano che uno Stato che pensa prioritariamente a reprimere e punire è uno Stato che facilmente diventa criminale”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scissione Pd, la tragica parabola di un partito destinato (e arrivato) allo sfascio

next
Articolo Successivo

Scissione Pd, se ne va anche Errani: “Parlerò alla sezione”. I renziani vogliono il congresso col turbo: “Primarie 9 aprile”

next