“Il video realizzato dal M5S pugliese sulle mie contraddizioni? Il problema è che il M5S vorrebbe che io fossi il loro leader e purtroppo non è possibile. Loro mi cercano da tanto tempo“. Così a Omnibus (La7) il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, attualmente candidato a segretario del Pd, risponde al M5S Puglia attraverso un video, diventato virale, in cui elenca tutte le incongruenze del politico nel corso degli ultimi 10 anni. “E’ un bellissimo filmato” – commenta Emiliano – “ci sono pezzi in cui ero giovane. In sostanza, il M5S dice: ‘“Ma perché non lasci il Pd e vieni con noi?’. Non posso andare col M5S, perché, essendo un uomo libero che dice sempre quello che gli pare e soprattutto vuole fare quello che in coscienza sente di realizzare, non posso ubbidire a un capo e a dei diktat. E soprattutto ho bisogno di stare in un luogo come il Pd, dove anche quando non sei d’accordo in qualche modo sei sopportato. E questo ovviamente al M5S non va bene”. E chiosa: ” Cambiare idea nel corso di una decina d’anni di vita mi pare un segno di grande intelligenza e qualche volta di mutate condizioni. Ovviamente il M5S conta sulla stupidità del suo interlocutore, ma, grazie a Dio, nessuno è stupido in Italia”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stipendi parlamentari, Giovanardi e Rotondi vs Parenzo e Klaus Davi: “I compensi? Sono giusti”

prev
Articolo Successivo

Pd, Speranza: “Renzi? Alla guida del partito è un limite”. Carofiglio: “Questione psicoanalitica”

next