Sofia Goggia conquista la prima medaglia per l’Italia ai campionati mondiali di sci alpino di St. Moritz. La 24enne bergamasca ha conquistato il bronzo nello slalom gigante nella gara vinta dalla francese Tessa Worley con il tempo complessivo di 2’05″55 davanti alla statunitense Mikaela Shiffrin (2’05″89): l’azzurra ha fermato i cronometri sul tempo di 2’06″29. Buona prova anche per le altre azzurre: Federica Brignone quarta (2’06″47) a soli 18 centesimi dal podio, Manuela Moelgg (2’06″88) sesta e Marta Bassino (2’07″53) undicesima.

La medaglia della Goggia consente alla squadra azzurra di chiudere un buco di venti gare senza medaglie iridate che durava dal bronzo di Manfred Moelgg nel gigante della rassegna iridata di Schladming del 2013. La bergamasca aggiunge questo prestigioso risultato ai nove podi sinora ottenuti in questa stagione in Coppa del mondo. Si tratta della medaglia numero sette della squadra femminile azzurra in gigante dopo il bronzo di Giuliana Chenal-Minuzzo a Squaw Valley 1960, gli ori di Deborah Compagnoni a Sierra Nevada 1996 e Sestriere 1997, l’argento di Karen Putzer a St. Anton 2001, l’argento di Denise Karbon a St. Moritz 2003, il bronzo della stessa Karbon a Aare 2007 e l’argento di Federica Brignone di Garmisch 2011.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’incredibile storia di Steven Bradbury, il pattinatore scarso diventato leggenda. Il video è virale anche dopo 15 anni

next
Articolo Successivo

St. Moritz, aereo trancia cavo della telecamera: tragedia sfiorata ai mondiali di sci

next