Decine di donne in topless sono scese in piazza a Buenos Aires,  Mar del Plata e Rosario per rivendicare il diritto a prendere il sole a seno nudo. La protesta, ribattezzata Tetazo, è stata organizzata dopo il caso della spiaggia di Necochea. Qui, alcuni giorni fa, venti agenti sono intervenuti per tre donne in topless, costringendole ad andare via. Le immagini del blitz della polizia, riprese da alcuni bagnanti, hanno fatto il giro del mondo, e spinto alcune donne e associazioni a organizzare il corteo. “La protesta  – ha spiegato una delle manifestanti – non è solo per il topless, ma per la massiccia disuguaglianza tra uomini e donne”.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’alunno usa il cellulare durante la lezione. La punizione del prof è esemplare

prev
Articolo Successivo

Trump attacca giudici chiamati a decidere sul suo Muslim Ban: “Corte politicizzata”

next