Anno nuovo, compleanni nuovi, patenti nuove. Come ogni stagione, anche questa porterà sulle strade un nutrito numero di neopatentati, per i quali sono in vigore alcune norme specifiche in ottica sicurezza stradale.

Dal 2011, infatti, sono in vigore limiti di guida ad hoc, dunque vale la pena di ripercorrere per punti principali in modo da non farsi trovare impreparati al momento di trovarsi a tu per tu con l’agognata automobile.

Per la normativa italiana, neopatentato è chiunque abbia conseguito la licenza di guida appartenente alle categorie A2, A, B1, B da meno di tre anni. Le patenti, va infatti ricordato, sono a loro volta suddivise in diverse categorie: la A2 è necessaria per la conduzione delle moto; la A vale per motocicli e tricicli; la B1 consente la conduzione di quadricicli ela B permette la guida delle autovetture.

Il “neo” conseguimento è più nello specifico definito nei seguenti casi: nuova patente italiana, nuova patente rilasciata a seguito di revoca della precedente (che consiste nel suo annullamento in modo permanente, ma nessuna limitazione se la revoca è avvenuta come sanzione accessoria), conversione di patente straniera extra UE, conversione di patente militare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Multe, attenzione a quelle prese durante la notte. Sono più salate

next
Articolo Successivo

Incentivi, tornano quelli per conversioni a metano e Gpl. Ma sono pochi

next