“Siamo pronti a bloccare i treni o a non pagare più l’abbonamento”. Dopo l’aumento dei prezzi dell’abbonamento fino al 35%, i pendolari del Frecciarossa Torino-Milano sono inferociti e si sono riuniti nel capoluogo piemontese per decidere le azioni di lotta contro il caro-treni. Ogni mese, secondo le stime del Comitato dei pendolari, circa duemila persone fanno avanti e indietro tra i due capoluoghi. Non per scelta, ma perché a Milano ci sono più opportunità di lavoro o perché tante aziende negli ultimi anni hanno spostato la propria sede in Lombardia. “In 7 anni da 290 euro siamo passati a 410 euro per l’abbonamento”, racconta una delle decine di persone. “Io sono una giovane e un terzo del mio stipendio finisce per il trasporto ferroviario”, dichiara alle nostre telecamere una pendolare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rigopiano, chiesto aiuto via mail prima della tragedia: “Occorre intervento”: E allarme fu ignorato: “Crollo? È bufala”

prev
Articolo Successivo

Grandi Rischi: “Diga Campotosto a rischio effetto Vajont”. Poi la marcia indietro: “No pericolo imminente”

next