Un buco profondo nella massa di neve, a monte dell’area piscina e Spa che è l’unica zona dell’albergo non sepolta completamente dalla valanga: uno scavo alto più di un uomo che scende in direzione di una piccola apertura, una sorta di tombino aperto nel ghiaccio grigio, dove si intravvede lo stretto passaggio su un pavimento lastricato in maiolica e più in basso, un solaio con sotto travi, macerie, pezzi di muro. È la “strada” che ha portato i soccorritori verso i superstiti dell’hotel Rigopiano, e che tuttora è la via seguita per portarli fuori, come hanno testimoniato le immagini del piccolo Gianfilippo Parete abbracciato dai vigili del fuoco.

La “strada” è stata individuata non a caso, hanno spiegato i soccorritori, ma studiando le mappe dell’hotel e cercando di capire, anche in base alle indicazioni di chi conosceva bene il resort, dove sarebbero potuti essere riuniti il maggior numero di clienti e di personale. Una scelta “soggettiva” che si è aggiunta all’utilizzo dei cani da valanga e degli altri strumenti tecnologici di indagine. E la decisione di andare verso le zone comuni al pian terreno dell’hotel è stata vincente: il primo gruppo di sei persone individuate sotto le macerie, infatti, si sarebbe trovato nella zona ricreativa dell’albergo, dove c’erano il bar e la sala biliardo, come ha spiegato il sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta.

L’area del “buco” è continuamente presidiata dai soccorritori che, dopo averla pulita dalla neve, hanno formato una specie di ampia trincea nel fronte laterale della slavina. Anche perché l’attività di ricerca all’hotel Rigopiano procede senza sosta: i soccorritori stanno operando in una situazione particolarmente delicata per estrarre le persone individuate, evitando che le travi dei solai che hanno retto lo schianto della valanga possano ora cedere: dunque si lavora con estrema cautela. In prima fila stanno operando i vigili del fuoco, conducendo un’azione con personale esperto e specifici mezzi. Materiale che viene portato fin a pochi metri dal “buco” con i gatti delle nevi che sfruttano la zona boschiva soltanto lambita dalla valanga e per questo raggiungibile più facilmente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo, Farindola paralizzata dalla neve: “Se non arriva nessuno ce ne andiamo a piedi”

next
Articolo Successivo

Rigopiano, dalla tragedia al sollievo: i 2 giorni della famiglia Parete. Ludovica dopo il salvataggio: ‘Voglio i miei biscotti’

next