La Prefettura di Benevento ha spostato 19 migranti da un centro sospeso per segnalazioni negative a una struttura nata come impianto per allevamento di conigli e priva di agibilità. Se la prima struttura presentava criticità evidenti, la seconda, il centro “Damasco 15”, presenta una curiosa e irrisolta vicenda edilizia. Un condono in realtà non formalizzato: oltre 130mila euro la cifra stabilita dagli uffici comunali per la sanatoria degli abusi edilizi, di cui sarebbe stato effettuato solo un versamento di 31.252 euro, la cui attestazione di pagamento risultava per giunta mancante a una verifica dello scorso novembre da parte dello sportello per l’edilizia. La politica si smarca: “Ne risponderà la Prefettura che ha mandato lì i migranti, io non sono stato informato”, dichiara il sindaco Clemente Mastella. Il proprietario dell’immobile è il fratello del presidente del consiglio comunale Luigi De Minico, che, intervistato da Ilfattoquotidiano.it, preferisce non dire nulla a riguardo. Secondo Gabriele Corona, presidente del comitato contro il malaffare AltraBenevento, in città le strutture prestate all’accoglienza migranti e interessate da abusi edilizi sarebbero almeno tre. Il rischio è che l’accoglienza dei migranti serva per sanare il ritardo del pagamento del condono.

AGGIORNAMENTO
A Ilfattoquotidiano.it risulta che, dopo il nostro interessamento su “Damasco 15”, i migranti di Benevento sono stati nuovamente trasferiti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto e neve, presidente Marche: “Emergenza dal 24 agosto, ora situazione catastrofica. Regioni ci aiutino”

prev
Articolo Successivo

Terremoto, ad Amatrice crolla il campanile di Sant’Agostino

next