Dopo tre mesi di indagini arrivano gli arresti della maxirissa dello scorso 14 ottobre, quando un minore fu massacrato a colpi di caschi, calci e coltellate da alcuni esponenti del Fronte della Gioventù. E’ successo nella centralissima piazza Cavour, a Roma, intorno alle 23 di un comune venerdì sera. Sotto lo sguardo delle telecamere di videosorveglianza, Valerio e i suoi amici vengono accerchiati da una ventina di ragazzi che militano nel gruppo di estrema destra. Il motivo? Avevano dato fastidio alle ragazze del gruppo. “Erano in sette contro uno, gli hanno dato caschi in testa, catenate e due coltellate al petto. Ci hanno urlato di andare via dalla piazza, perché era loro”. Così uno degli amici di Valerio F., il ragazzino di 16 anni che se l’è cavata con una prognosi di 30 giorni, ha raccontato l’aggressione a Servizio Pubblico. Ecco le immagini e le testimonianze in esclusiva raccolte da Micaela Farrocco.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Italia, padre Zanotelli: “Periferie degradate? Arresterei i politici”

prev