La drammatica vicenda dei 1666 lavoratori licenziati del gruppo di call center Almaviva di Roma, raccontata da un servizio di Nicole Di Ilio per La Gabbia Open (La7). Alcuni dipendenti licenziati rendono la loro testimonianza: “Siamo stati messi sotto ricatto. Il 75% di noi guadagna 600 euro al mese e l’azienda voleva un abbassamento del costo del lavoro del 17%, il che equivale a un guadagno di 400 euro al mese. E’ meglio morir di fame da liberi piuttosto che lavorare come schiavi“. Almaviva, che ha 13mila lavoratori e fattura 709 milioni di euro l’anno, ha come principali clienti il ministero del Lavoro, dell’Economia, dell’Interno, degli Affari Esteri, della Giustizia, dell’Istruzione, dei Beni Culturali, la Corte dei Conti, la Zecca dello Stato, Equitalia, Inps, Inail, Anac. Nel servizio, viene anche intervistata una ex dipendente cinquantenne: “Di questa tragedia una grossissima responsabilità l’ha il governo, oltre l’azienda. Trovo scandaloso quello che ha detto il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, quando è uscito da quel tavolo, affermando che non poteva far più nulla per 1666 cittadini italiani. E’ un ministro che, a mio avviso, ha fallito il suo incarico e si deve dimettere“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dimartedì torna con il comico Maurizio Lastrico. Non c’è più Crozza e già ci manca

prev
Articolo Successivo

M5S Europa, Travaglio: “Figuraccia? Sì. Ma da una pulce si è fatto un elefante”

next