“Gli investimenti internazionali nel nostro paese sono aumentati significativamente. Io credo che la riforma del lavoro sia una buona legge per il nostro paese e il fatto che rimanga in vigore è un fatto positivo”. Così il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, arrivando a un evento del partito al Roma Scout Center e commentando la decisione della Consulta sul referendum sulla riforma del lavoro. Poletti poi sui voucher afferma che: “Penso che dobbiamo cambiarli, ma l’abolizione secca porterebbe una parte di quella situazione verso il lavoro nero così come non va bene se vengono strumentalmente utilizzati in modo diverso dalle motivazioni originarie. Dobbiamo evitare – conclude il Ministro del Lavoro – che queste attività finiscano nel lavoro nero”. Con la decisione di oggi della Consulta si vota nel 2018? Matteo Orfini, Presidente del Partito Democratico risponde: “Non lo decido io, ma il presidente della Repubblica. Dal nostro punto di vista è importante che si voti il prima possibile. Ci sono cose da fare prima come la legge elettorale, cercheremo di farlo ma non dipende solo da noi. Finora la nostra proposta è caduta nel vuoto”. Parlando del referendum sul lavoro e della decisione della Consulta, Orfini ha aggiunto: “Su alcuni aspetti c’è una riflessione in corso che può portare anche a degli interventi, il governo ha dato la sua disponibilità. Credo che quando possono essere raccolte le istanze sia utile ascoltare e cercare soluzioni in Parlamento”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum Jobs act, Camusso: “Voucher? Da azzerare. Governo fissi la data del voto”

prev
Articolo Successivo

Jobs Act, “la bocciatura del referendum sull’articolo 18 è un errore logico-giuridico e un paradossale boomerang politico”

next