Marine Le Pen in testa al primo turno delle elezioni presidenziali francesi di aprile dopo il candidato della destra Francois Fillon. E’ quanto sostiene un sondaggio Ifop-Itélé-Paris Match-Sud Radio, che assegna alla leader del Front National (fra il 26% e il 26,5%), seguita dal numero uno dei Repubblicani (25%). Si tratta del primo calo di consensi per l’ex primo ministro dal 17 maggio 2007 al 15 maggio 2012 sotto la presidenza di Nicolas Sarkozy, quest’ultimo sconfitto pesantemente alle primarie della destra francese. Fillon nelle intenzioni di voto a novembre e dicembre era risultato primo rispettivamente con il 29 e il 28%.

Dietro i due principali contendenti si posiziona l’ex ministro dell’Economia del governo Hollande, Emmanuel Macron, che ad aprile dello scorso anno ha fondato il movimento indipendente En marche! con percentuali oscillanti fra il 17 e il 20% chiunque sia il candidato socialista che sarà indicato alle primarie. Il principale partito della sinistra transalpina, secondo il sondaggio Infop, potrebbe subire la peggiore sconfitta elettorale della sua storia. La sfida al ballottaggio vede Fillon vincere sulla figlia dello storico leader dell’estrema destra Jean-Marie Le Pen, con un vantaggio di quasi 30 punti: 64% contro il 36%. I francesi, però, lo punirebbero se ad affrontarlo al secondo turno fosse il 38enne con la faccia da bravo ragazzo, uscito dal partito socialista, a cui andrebbe il 52% dei consensi. Macron la spunterebbe anche contro Le Pen: 65% contro il 35%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Anders Breivik contro lo Stato per trattamento disumano, in aula ancora il saluto nazista

prev
Articolo Successivo

Barack Obama piange. Ed è rimpianto

next