A Chicago (Usa) la polizia ha fermato quattro giovani, due ragazze e due ragazzi) che hanno sequestrato e torturato un diciottenne disabile. Il video con le torture (della durata di oltre mezz’ora) è stato poi messo in rete. I fatti sono successi il 3 gennaio scorso dopo che gli agenti, dopo la denuncia di scomparsa della famiglia, avevano ritrovato in strada il ragazzo che vagava in stato confusionale. Nel filmato gli aguzzini legano il giovane, gli mettono un cerotto sulla bocca, poi così immobilizzato gli viene tagliata una parte del cuoio capelluto, viene preso a calci e gli vengono spente delle sigarette sul corpo (video tratto da Youtube).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Donald Trump, primo (ed assai impopolare) presidente dell’Usastan

prev
Articolo Successivo

Charlie Hebdo, numero speciale per i due anni dalla strage: “2017, la fine del tunnel”. Ma è la canna di un Kalashnikov

next