La chiesa di Sant’Anna a Potenza è stata teatro in questi giorni di un’aspra polemica. Oggetto della discordia il presepe allestito (e poi rimosso) che ospitava una madonna in abiti islamici, Giuseppe alias Mustafa e alcuni pastori musulmani. Il parroco don Franco Corbo, spiega lo spirito dell’iniziativa e riceve in dono un presepe tradizionale da una rappresentanza dei parrocchiani indignati per la scelta “terzomondista e immigrazionista” del parroco

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma banche popolari, Consulta respinge ricorso Lombardia: “Non lese competenze Regione”

next
Articolo Successivo

Justin Bieber in concerto a Foggia? La Pro Loco: “Abbiamo messo in moto la macchina organizzativa”. Ma gli abitanti ironizzano

next