La chiesa di Sant’Anna a Potenza è stata teatro in questi giorni di un’aspra polemica. Oggetto della discordia il presepe allestito (e poi rimosso) che ospitava una madonna in abiti islamici, Giuseppe alias Mustafa e alcuni pastori musulmani. Il parroco don Franco Corbo, spiega lo spirito dell’iniziativa e riceve in dono un presepe tradizionale da una rappresentanza dei parrocchiani indignati per la scelta “terzomondista e immigrazionista” del parroco

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riforma banche popolari, Consulta respinge ricorso Lombardia: “Non lese competenze Regione”

next
Articolo Successivo

Justin Bieber in concerto a Foggia? La Pro Loco: “Abbiamo messo in moto la macchina organizzativa”. Ma gli abitanti ironizzano

next