No al rientro dei jihadisti tunisini in patria. E’ questo che hanno chiesto diverse centinaia di persone che hanno manifestato oggi davanti al Parlamento a Tunisi per protestare contro il rientro in Tunisia dei connazionali andati a combattere in Siria, Iraq e Libia. I dimostranti, di tutte le età e le condizioni sociali, portavano bandiere tunisine e cartelli sui quali si leggevano slogan contro il terrorismo. Il ministro dell’Interno, Hedi Majdoud, ha annunciato ieri il rientro di 800 jihadisti nel Paese da luoghi di conflitto, aggiungendo che il suo dicastero dispone di tutti i dati necessari sui tunisini che sono coinvolti sul terreno.

Nel paese nord africano c’è un acceso dibattito sulla necessità di applicare la legge anti-terrorismo, che condannerebbe i rientrati direttamente alla prigione, e sul come trattare il rientro dei jihadisti. Il fatto che gli autori degli attentati di Nizza e Berlino fossero jihadisti di nazionalità tunisina ha ampliato il dibattito anche in ambito politico. Ed è in mezzo a questa discussione che ieri è arrivato a Tunisi, a seguito di procedura di estradizione dal Sudan, il jihadista Moez Fezzani, sospettato di essere coinvolto in diversi attacchi terroristici fra cui quello del 18 marzo 2015 al museo del Bardo di Tunisi, in cui rimasero uccisi una cinquantina di turisti.

Il portavoce del polo giudiziario per la lotta contro il terrorismo, Sufian Selliti, ha dichiarato all’agenzia di stampa ufficiale Tap che Fezzani “è uno dei dirigenti dell’organizzazione terrorista e mantiene relazioni con la maggioranza dei terroristi dello Stato islamico che si sono recati verso Siria e Libia per ricevere addestramento militare”.

La foto nell’articolo è tratta da Twitter

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, storia di chi aveva inventato la sua vita e ora spera in un Natale democratico

prev
Articolo Successivo

Aereo militare russo precipitato nel Mar Nero, governo: “Guasto tecnico o errore del pilota”

next