Trent’anni di reclusione. E’ la decisione della corte di assise di Firenze che ha condannato Cheik Diaw, il 27enne senegalese accusato delll’omicidio di Ashley Olsen, 35enne statunitense uccisa nella sua casa a Firenze nel gennaio scorso. I giudici hanno riconosciuto l’aggravante della crudeltà. Al momento della lettura della sentenza erano presenti il padre, la madre, il fidanzato e molti amici di Ashley. Presente anche il fratello e alcuni amici di Diaw.

Il giovane senegalese era stato fermato dalla polizia il 14 gennaio scorso e dopo un lungo interrogatorio aveva confessato di aver spinto la ragazza dopo una lite. Ashley, raccontò Diaw, sarebbe caduta a terra sbattendo la testa. Ma per i due specialisti incaricati dalla procura, Martina Focardi e Marco Palandri, la ragazza sarebbe stata strangolata e, dopo aver lottato col suo aggressore, morta per asfissia, fra le 9 e le 15 dell’8 gennaio 2016.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tangenti Eni-Nigeria, Procura Milano chiude inchiesta: undici indagati. Tra loro Descalzi, Scaroni e Bisignani

next
Articolo Successivo

Roberto Formigoni condannato, quando non rispose alle mie domande in tv

next