Nel suo discorso a Palazzo Marino dopo il periodo di auto-sospensione, il sindaco di Milano Giuseppe Sala non ha mai fatto riferimento al documento che la procura generale sospetta sia stato firmato dall’allora commissario unico di Expo con una data falsa. Per questo alcuni consiglieri comunali di opposizione, come Basilio Rizzo di Milano in Comune, Gianluca Corrado del M5S e Alessandro Morelli della Lega, l’hanno accusato di non avere chiarito per nulla se la firma sia stata effettivamente messa su un atto predatato. “Quando ha messo la firma su quel documento? – gli ha chiesto in modo diretto Rizzo -. Mi dica la verità, la dica ai consiglieri comunali e ai cittadini”. Da parte di Sala per il momento nessuna intenzione di fornire un chiarimento sul fatto per cui è indagato: “Risponderò alla procura generale, quando mi chiamerà”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, anche l’Anac contro Marra: “Conflitto d’interessi sul fratello. E la Raggi doveva esonerarlo dalle decisioni”

prev
Articolo Successivo

Expo, Sala non risponde sugli alberi strapagati alla Mantovani: “È un millesimo dei costi totali”

next