Nel suo discorso a Palazzo Marino dopo il periodo di auto-sospensione, il sindaco di Milano Giuseppe Sala non ha mai fatto riferimento al documento che la procura generale sospetta sia stato firmato dall’allora commissario unico di Expo con una data falsa. Per questo alcuni consiglieri comunali di opposizione, come Basilio Rizzo di Milano in Comune, Gianluca Corrado del M5S e Alessandro Morelli della Lega, l’hanno accusato di non avere chiarito per nulla se la firma sia stata effettivamente messa su un atto predatato. “Quando ha messo la firma su quel documento? – gli ha chiesto in modo diretto Rizzo -. Mi dica la verità, la dica ai consiglieri comunali e ai cittadini”. Da parte di Sala per il momento nessuna intenzione di fornire un chiarimento sul fatto per cui è indagato: “Risponderò alla procura generale, quando mi chiamerà”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, anche l’Anac contro Marra: “Conflitto d’interessi sul fratello. E la Raggi doveva esonerarlo dalle decisioni”

next
Articolo Successivo

Expo, Sala non risponde sugli alberi strapagati alla Mantovani: “È un millesimo dei costi totali”

next