E’ stato trovato morto il presunto autore della sparatoria di ieri al centro islamico di Zurigo. Il cadavere, di cui ancora non si conosce l’identità, è stato trovato a poche centinaia di metri dal centro religioso, in riva al fiume Sihl, nel corso delle operazioni di ricerca.

L’attentatore, che era vestito di nero e aveva il volto coperto, è penetrato verso le 17:30 nel luogo di culto dove si trovavano diversi fedeli e ha sparato un numero imprecisato di colpi, ferendo in modo grave tre uomini rispettivamente di 3035 e 56 anni. Le indagini hanno accertato un legame fra la persona ritrovata senza vita e la sparatoria, scrive oggi la polizia cantonale zurighese in una nota.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, Donald Trump designato presidente: nessuna rivolta dei Grandi elettori

prev
Articolo Successivo

Attentato Berlino, Merkel: “E’ un giorno duro. Ma continueremo a sostenere chi chiede di integrarsi nel nostro Paese”

next