E’ stato trovato morto il presunto autore della sparatoria di ieri al centro islamico di Zurigo. Il cadavere, di cui ancora non si conosce l’identità, è stato trovato a poche centinaia di metri dal centro religioso, in riva al fiume Sihl, nel corso delle operazioni di ricerca.

L’attentatore, che era vestito di nero e aveva il volto coperto, è penetrato verso le 17:30 nel luogo di culto dove si trovavano diversi fedeli e ha sparato un numero imprecisato di colpi, ferendo in modo grave tre uomini rispettivamente di 3035 e 56 anni. Le indagini hanno accertato un legame fra la persona ritrovata senza vita e la sparatoria, scrive oggi la polizia cantonale zurighese in una nota.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, Donald Trump designato presidente: nessuna rivolta dei Grandi elettori

next
Articolo Successivo

Attentato Berlino, Merkel: “E’ un giorno duro. Ma continueremo a sostenere chi chiede di integrarsi nel nostro Paese”

next