E’ stato trovato morto il presunto autore della sparatoria di ieri al centro islamico di Zurigo. Il cadavere, di cui ancora non si conosce l’identità, è stato trovato a poche centinaia di metri dal centro religioso, in riva al fiume Sihl, nel corso delle operazioni di ricerca.

L’attentatore, che era vestito di nero e aveva il volto coperto, è penetrato verso le 17:30 nel luogo di culto dove si trovavano diversi fedeli e ha sparato un numero imprecisato di colpi, ferendo in modo grave tre uomini rispettivamente di 3035 e 56 anni. Le indagini hanno accertato un legame fra la persona ritrovata senza vita e la sparatoria, scrive oggi la polizia cantonale zurighese in una nota.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, Donald Trump designato presidente: nessuna rivolta dei Grandi elettori

next
Articolo Successivo

Attentato Berlino, Merkel: “E’ un giorno duro. Ma continueremo a sostenere chi chiede di integrarsi nel nostro Paese”

next