“E’ stato compiuto un attentato incendiario alla sede di Usb Parma: un fatto gravissimo con chiari scopi intimidatori verso la nostra organizzazione sindacale, i lavoratori, gli iscritti e delegati”. Lo si legge in una nota dell’Unione sindacale di base. Ignoti questa notte hanno gettato una bottiglia molotov o un ordigno pieno di benzina contro la saracinesca del locale distruggendola e provocando gravi danni alla vetrina. Fortunatamente le fiamme non si sono propagate all’interno del locale. Su quanto successo ora indaga la Polizia scientifica che questa mattina ha effettuato i primi rilievi. Nessuna rivendicazione è arrivata finora ed è al momento sconosciuta la matrice del gesto.

“A Parma, come nel resto del nostro paese, l’Usb si sta distinguendo per la capacità di organizzare e sostenere le lotte dei lavoratori, per la volontà di costruire un sindacato conflittuale e di classe capace di spezzare le catene delle nuove e vecchie schiavitù del lavoro salariato. Dalla campagna per il No sociale al referendum, alla denuncia degli accordi truffa nel pubblico impiego e nei metalmeccanici, alle lotte nella logistica, la Usb sta dimostrando che organizzare una opposizione sociale e sindacale è possibile”, continua la nota dell’organizzazione sindacale.

“Per questo incendiare una sede dell’Usb è un atto che colpisce tutti i lavoratori e le lavoratrici. Gli attentatori di questa notte vogliono evidentemente attaccare e indebolire la nostra presenza e capacità di azione ma non ci riusciranno. Sono convinti di poter godere di una impunità che non possiamo accettare né a Parma e né altrove”, si legge ancora. “Da parte nostra ci attiveremo con tutte le iniziative necessarie alla gravità del fatto, ma chiediamo alle istituzioni cittadine dal Sindaco al Prefetto di Parma di non ignorare o derubricare questo attentato e di prendere ogni possibile provvedimento per garantire il diritto dei lavoratori ad organizzarsi sindacalmente nel territorio. La migliore risposta a questo attentato sarà la nostra stessa rinnovata determinazione nelle lotte sul territorio e nei luoghi di lavoro”, conclude la nota.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bari dona una chiesa ai greci ortodossi nel nome di Nicola, il santo del dialogo

prev
Articolo Successivo

Roma, la sindaca Raggi vuole incontrare la famiglia marocchina cacciata dalle case popolari

next