L’ultima fiducia, pur di chiudere in fretta il nodo della Legge di Stabilità in Senato, prima delle dimissioni annunciate di Renzi e del suo governo. Niente discussione sugli emendamenti, la manovra non cambierà, al di là degli impegni già annunciati. “Sembra un paradosso, ma ancora una volta la maggioranza sceglie la sua imposizione, nonostante un governo già dimissionario. Non potremo discutere nel merito una manovra che doveva essere cambiata. Che fine hanno fatto le promesse sui fondi per i bambini malati a causa dell’Ilva o il pre-accordo per il rinnovo dei contratti?”, attacca Loredana De Petris, senatrice di Sinistra Italiana. Non è l’unica. “Viene da chiederci: allora erano solo marchette elettorali per guadagnare voti per il Sì?”, provoca pure Gian Marco Centinaio (Lega Nord)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Prodi: “Un parroco non deve tornare nella propria parrocchia nemmeno per confessare”

prev
Articolo Successivo

Italicum, quando il Movimento 5 Stelle diceva: “E’ peggio del Porcellum”

next