L’ultima fiducia, pur di chiudere in fretta il nodo della Legge di Stabilità in Senato, prima delle dimissioni annunciate di Renzi e del suo governo. Niente discussione sugli emendamenti, la manovra non cambierà, al di là degli impegni già annunciati. “Sembra un paradosso, ma ancora una volta la maggioranza sceglie la sua imposizione, nonostante un governo già dimissionario. Non potremo discutere nel merito una manovra che doveva essere cambiata. Che fine hanno fatto le promesse sui fondi per i bambini malati a causa dell’Ilva o il pre-accordo per il rinnovo dei contratti?”, attacca Loredana De Petris, senatrice di Sinistra Italiana. Non è l’unica. “Viene da chiederci: allora erano solo marchette elettorali per guadagnare voti per il Sì?”, provoca pure Gian Marco Centinaio (Lega Nord)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prodi: “Un parroco non deve tornare nella propria parrocchia nemmeno per confessare”

next
Articolo Successivo

Italicum, quando il Movimento 5 Stelle diceva: “E’ peggio del Porcellum”

next