Renzi? Con lui ci sono stati 660 posti di lavoro in più al giorno. Che siano voucher o non voucher, c’è stato un aumento di occupazione”. Lo afferma a Piazzapulita (La7) Davide Serra, partner fondatore di Algebris Investments e principale finanziatore delle campagne elettorali di Matteo Renzi. Commentando i risultati del voto referendario, l’imprenditore scodella i dati Istat sull’occupazione negli ultimi 4 anni: “Col governo Letta si perdevano 550 posti di lavoro al giorno, 330 col governo Monti, 390 col governo Berlusconi. Sono dati Istat, so che in Italia ci sono polemiche pure su questi numeri”. “Più che altro sono lavori pagati con voucher” – precisa il conduttore Corrado Formigli – “sono tagliandini con cui sono pagati lavori che durano anche un giorno. Sono lavori assolutamente temporanei e precari”. Serra poi descrive la percezione che Londra ha degli esiti del referendum e cita il M5S: “Sicuramente mi manderanno qualche insulto, si divertono così. Non sono amato dai grillini? Veramente non ne ho mai conosciuto uno. Una volta ne ho visti due qui a Londra, fuori da una chiesa”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scivolone di Cacciari: “Renzi? Anche un cieco, un sordo, un handicappato capirebbe che non può governare”

prev
Articolo Successivo

Renzi, Meli vs Furfaro (Sel): “Jobs Act? Legge di civiltà. Disoccupazione è anche colpa della Cgil”

next