Alla sede del comitato per il No i risultati della tornata sono stati accolti con cori, applausi e canti. Via via che il dato si consolida cresce l’entusiasmo per la bocciatura del ddl Boschi tanto che i partecipanti si sono messi a intonare la canzone simbolo della Resistenza “Bella Ciao”.  “Con un parlamento gonfiato dal Porcellum non doveva essere neppure iniziato questo azzardo di cambiare la Costituzione”, spiega Alessandro Pace, presidente del Comitato del No. A parlare è anche la vicepresidente Anna Falcone, una delle figure simbolo della campagna di chi si è opposto alla riforma renziana: “Io credo che la democrazia italiana abbia dimostrato di avere al suo interno gli anticorpi necessari per resistere e rilanciare ogni volta che si tenta di scardinarla dalle sue basi”.’

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Renzi annuncia le dimissioni: “Ho perso io, l’esperienza del mio governo finisce qui”

next
Articolo Successivo

Riforme, mentre Renzi annuncia le dimissioni in diretta la sede del Pd è già deserta

next