A Napoli nell’istituto d’arte Palizzi a Chiaia è partita una delle prime denunce da parte dei votanti in merito alla questione della possibilità di cancellare il voto sulla scheda elettorale. La presidente di seggio, Paola Patriarca, spiega cosa è successo all’interno del seggio napoletano. “La signora che ha denunciato il fatto, spiega la presidente, ha effettuato una prova su un foglio bianco. Non potevamo provare sulla scheda elettorale, altrimenti non sarebbe stata valida”. Intanto fuori dal seggio sono molte le persone che manifestano perplessità su presunte irregolarità del voto legate alle matite. Un vigile urbano fuori l’istituto spiega, a telecamere basse, che secondo lui “con un tratto leggero il voto potrebbe anche essere cancellato”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, vox a Reggio Calabria: “No per rinnovare”. “Scelta tra padella e brace”

next
Articolo Successivo

Referendum, voto estero: dentro il bunker di Castelnuovo di Porto. Comitato del No: “Operazioni iniziate senza di noi”

next