I maggiori quotidiani del mondo commentano l’annuncio delle dimissioni del presidente del Consiglio Matteo Renzi, a seguito della vittoria del “No” per il Referendum Costituzionale. El Pais titola “Renzi si dimette dopo aver perso il referendum“, mentre Sky News: “Il primo Ministro italiano si dimette dopo la sconfitta al referendum”. In Inghilterra, il  Guardian scrive un titolo netto: “Renzi rassegna le dimissioni da Primo Ministro dopo la pesante sconfitta al referendum”, e sulla stessa scia anche la Bbc che mette l’accento sulla chiara sconfitta ” Matteo Renzi si dimette dopo la chiara sconfitta al referendum”. Per il New york times “Renzi perde per mano del populismo”. Mentre per l’Indipendent “gli elettori hanno respinto in modo travolgente la riforma sulla quale Renzi ha basato il suo futuro”. Elettori che, sottolinea il Financial Times, hanno dato “un colpo a Renzi”.

Anche Le Monde riporta il “netto margine del No” e Le Parisienne parla di un Renzi “massicciamente sconfessato” e spiega che “questi numeri dovrebbero portarlo a dimettersi”. Secondo El Pais, “tra i votanti del no ci sono quelli che considerano inadeguate le riforme di Renzi e quelli che non credono che un giovane premier che non è stato eletto abbia la legittimità sufficiente” per cambiare la costituzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforme, un boato alla sede del comitato per il No accompagna i primi exit poll

next
Articolo Successivo

Referendum: non è l’onda lunga del populismo, ma la richiesta di stabilità

next