Tensione a Castelnuovo di Porto, il fortino “bunker” a pochi chilometri da Roma, sulla via Flaminia, dove da sabato sono custodite le schede e i voti degli italiani residenti all’estero. C’è chi, tra i rappresentanti di lista del comitato del No, denuncia il ritardo nelle operazioni di accreditamento, ma non solo: “Hanno iniziato senza di noi ad aprire alcuni scatoloni”, c’è chi si lamenta. E sia da Sinistra Italiana che dal Movimento 5 Stelle c’è chi spiega di non essere riuscito ad entrare e come sarebbero stati respinti all’ingresso dei rappresentanti di lista: “Siamo rimasti tutti fuori per oltre due ore. Ora stiamo entrando, ma non abbiamo potuto controllarle molti impicci”, spiegano dal Movimento 5 Stelle.

Chiaro che la tensione sia alta, anche perché il voto degli italiani all’estero può risultare decisivo per il verdetto del referendum costituzionale. Ieri i 210 voli provenienti da 195 sedi estere sono atterrati all’aeroporto di Fiumicino dove i plichi con le schede elettorali sono stati poi consegnati ai funzionari della Corte d’Appello, l’ufficio a cui fa capo la cosiddetta Circoscrizione Estero, suddivisa in 4 aree (Europa, Nord e Centro America, Sud America, Africa-Asia-Oceania-Austra. Circa 3 milioni sono gli aventi diritto, circa l’8% del corpo elettorale. Una percentuale che può essere l’ago della bilancia, come già accaduto in passato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, nel seggio della “matita cancellabile”. Il vigile: “Cancellare? Difficile, ma se il tratto è leggero…”

next
Articolo Successivo

Riforme, voto estero. La denuncia di M5S e Sinistra italiana: “Casi di buste aperte”

next