Tensione a Castelnuovo di Porto, il fortino “bunker” a pochi chilometri da Roma, sulla via Flaminia, dove da sabato sono custodite le schede e i voti degli italiani residenti all’estero. C’è chi, tra i rappresentanti di lista del comitato del No, denuncia il ritardo nelle operazioni di accreditamento, ma non solo: “Hanno iniziato senza di noi ad aprire alcuni scatoloni”, c’è chi si lamenta. E sia da Sinistra Italiana che dal Movimento 5 Stelle c’è chi spiega di non essere riuscito ad entrare e come sarebbero stati respinti all’ingresso dei rappresentanti di lista: “Siamo rimasti tutti fuori per oltre due ore. Ora stiamo entrando, ma non abbiamo potuto controllarle molti impicci”, spiegano dal Movimento 5 Stelle.

Chiaro che la tensione sia alta, anche perché il voto degli italiani all’estero può risultare decisivo per il verdetto del referendum costituzionale. Ieri i 210 voli provenienti da 195 sedi estere sono atterrati all’aeroporto di Fiumicino dove i plichi con le schede elettorali sono stati poi consegnati ai funzionari della Corte d’Appello, l’ufficio a cui fa capo la cosiddetta Circoscrizione Estero, suddivisa in 4 aree (Europa, Nord e Centro America, Sud America, Africa-Asia-Oceania-Austra. Circa 3 milioni sono gli aventi diritto, circa l’8% del corpo elettorale. Una percentuale che può essere l’ago della bilancia, come già accaduto in passato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, nel seggio della “matita cancellabile”. Il vigile: “Cancellare? Difficile, ma se il tratto è leggero…”

next
Articolo Successivo

Riforme, voto estero. La denuncia di M5S e Sinistra italiana: “Casi di buste aperte”

next