Dopo il caso delle quattro banche fallite (Banca Marche, Popolare dell’Etruria, la Cassa di risparmio di Chieti e quella di Ferrara) non c’è più pericolo per il sistema bancario? Quali sono le conseguenze delle nuove regole europee del bail in per i clienti? Perché il problema delle sofferenze bancarie italiane sta preoccupando anche gli Stati Uniti? Nello speciale “Attenti al lupo” Gianni Dragoni risponde a queste domande e spiega come, tappando una piccola falla, si cerchi di evitare il rischio che l’emorragia si estenda a tutta l’economia. Intanto, una conseguenza pratica: i correntisti sono stati già chiamati a rispondere del salvataggio delle banche fallite. In che modo? La ricostruzione attraverso le illustrazioni di Sergio Gerasi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Robinù, Mattarella ai ragazzi di Poggioreale: “Cambiare vita è possibile”

next
Articolo Successivo

Robinù, solo oggi al cinema il film di Michele Santoro: l’elenco delle sale

next