La Cassazione ha dichiarato “il difetto assoluto di giurisdizione” per quanto riguarda il decreto con il quale il presidente della Repubblica, lo scorso 27 settembre, ha indetto il referendum sulla riforma costituzionale. La Corte condivide quanto già stabilito dal Tar del Lazio che ha ritenuto l’atto di indizione non soggetto a “sindacato giurisdizionale” perché non è un “atto amministrativo”. Il ricorso sul regolamento preventivo di giurisdizione era stato presentato dal Codacons. E’ l’ennesima istanza presentata sul referendum, l’ennesima respinta dalla magistratura a tutti i livelli e da tutti gli ordini: dal Tar del Lazio al tribunale ordinario di Milano, dalla Cassazione alla Corte costituzionale. In tutti i casi i vari ricorrenti (M5s, Sinistra Italiana, Codacons e anche l’ex presidente della Consulta Valerio Onida in cause diverse) hanno sollevato questioni che la magistratura non ha accolto.

Nell’indizione, da parte del presidente della Repubblica, del referendum di revisione costituzionale la Cassazione con un’ordinanza sottolinea che “non si ravvisa alcuno dei profili di incostituzionalità ventilati” dal Codacons “in relazione alla non impugnabilità per questa via del provvedimento che indice il referendum”. La Suprema Corte ha anche aggiunto che non appare neppure “ipotizzabile alcuna lesione dei principi che regolano, nella dimensione del diritto europeo, i principi dell’equo processo e del diritto ad un ricorso effettivo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Argentina, schede a terra per giorni. Farnesina: “Andranno lo stesso in Italia”. Renzi: “Col 3% del voto estero vinciamo”

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, il 4 dicembre vincerà chi fa meno autogol

next