Non è stato proprio un ritorno a casa, anche perché una vera e propria casa il piccolo Destiny non ce l’ha. E’ però l’ex caserma Montello, al centro di feroci polemiche nelle scorse settimane, ad accogliere lui e la sua mamma, Rachel, la prima migrante a partorire fra quelli ospitati da inizio mese all’interno del complesso in zona San Siro, a Milano. Ci siamo fatti raccontare da Rachel la sua storia, iniziata in Burkina Faso, proseguita in Nigeria, per poi attraversare il Mediterraneo dalla Libia sino alla Sicilia, da lì fino a Milano. Una traversata dolorosa, acuita da una gravidanza messa duramente a rischio. “Siamo felici ora” ci confida sorridendo Rachel, la quale spera di trovare in Italia quella speranza di una vita migliore che l’ha costretta abbandonare la sua terra natia. Per lei, e per il piccolo Destiny  di Andrea Eusebio, Laura Fazzini e Carmen La Gatta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terremoto Centro Italia, scossa con magnitudo 4.4. Epicentro nell’Aquilano

prev
Articolo Successivo

La Scala di Milano, amianto a teatro: prosciolti i 4 ex sindaci Tognoli, Pillitteri, Borghini e Formentini

next