“Questa sera il ‘matteorisponde‘ smonta 20 bufale delle quali 15 sul referendum e 5 sull’attività di governo: facciamo servizio pubblico”. Esordisce così il premier Matteo Renzi nel suo consueto appuntamento in diretta su Facebook. Evidenziatore verde e giallo alla mano, appunti su un taccuino, una piccola lavagna e il solito Mac, il presidente del Consiglio ha affrontato uno dopo l’altro i temi che si era scelto, dal “complotto secondo Salvini” all’Air Force Renzi.

Il primo punto è l’elezioni dei senatori, di cui Renzi ha parlato mostrando un fac-simile della scheda elettorale: “I cittadini sceglieranno quali consiglieri regionali andranno in Senato”. Poi la difesa dell’articolo 70: “a chi dice che è difficile dico: è la Costituzione non è Topolino”. E la nomina della “bufala d’oro” riguardo il 117: “Non è vero che cambia il rapporto di potere tra Unione europea e Italia. È la più clamorosa di tutte”.

Il premier prova ancora a smontare altre critiche nei confronti della riforma costituzionale. “Aumentano le firme per il referendum se uno vuole abbassare il quorum: come da richiesta del Cgil il quorum è mobile. Spero ne siano contenti i Radicali, stiamo lavorando su questo con Emma Bonino”, dice Renzi, che poi attacca il Movimento 5 Stelle: “Spero ne siano contenti anche i 5 stelle: un applauso per loro, ricordo solo che le firme devono essere vere e non copiate”. Sul rischio di deriva autoritaria afferma: “Non ci sarà alcun aumento dei poteri del premier, neanche i lacci delle scarpe il premier potrà sciogliere”. Il presidente del Consiglio concludo parlando delle bufale extra-referendum riguardo la riforma Madia, l’Air Force Renzi, i posti di lavoro, il Pil e le tasse. “L’ultima delle bufale viralizzata – afferma Renzi – riguarda il voto di mia moglie Agnese“.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Referendum, cosa trovo profondamente scorretto nel depliant del Sì

prev
Articolo Successivo

Referendum, la cartina distorta del nuovo Senato: un cittadino in Val d’Aosta peserà 10 volte uno di Veneto e Sicilia

next