“Se vincerà il sì avremo un’Italia più semplice e più giusta e un Parlamento in grado di avere tempi più certi e dare risposte concrete ai cittadini”. L’ha detto oggi a Sassari il ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, partecipando a una convention organizzata dal Comitato territoriale per il Sì al referendum costituzionale di domenica prossima. “Ridurremmo di un terzo il numero dei parlamentari e ridurremmo il costo di alcuni enti ormai inutili, come il Cnel – ha sottolineato il ministro – e ci sarà anche un nuovo rapporto tra Stato e Regioni, senza confusione e sovrapposizione delle competenze e senza che venga in messa in discussione la forza delle Regioni a Statuto speciale, come sostengono sbagliando i sostenitori del No”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum costituzionale, Matteo e l’abbraccio dello Psicanalista

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, se il No è l’Apocalisse e il Sì Babbo Natale

next