Il premier Matteo Renzi arriva a Livorno per la seconda tappa del suo mini tour toscano, a dodici giorni giorni dal referendum costituzionale, mentre ad alcune centinaia di metri è in corso una contestazione tenuta a distanza da un ampio cordone di forze dell’ordine. “Dite al vostro sindaco di invitarmi e vengo”, risponde Renzi dal palco dell’auditorium dell’Svs dove si tiene l’incontro, fuori dal centro città, quando dal pubblico gli chiedono di venire più spesso da queste parti. Parla del referendum e avverte i presenti: “Se al referendum dite ‘No’, dite ‘No’ per sempre – poi si corregge – cioè, formalmente non per sempre”, ma spiega che “è necessario votare “sì” adesso perché domani sarà troppo tardi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Referendum? Io ho già votato”. Ecco come fa un italiano all’estero, tra buste anonime e rischio brogli

next
Articolo Successivo

De Luca, l’eurodeputato dalemiano Paolucci: “Se vedo clientele sui fondi europei vado in Procura”

next