Il premier Matteo Renzi arriva a Livorno per la seconda tappa del suo mini tour toscano, a dodici giorni giorni dal referendum costituzionale, mentre ad alcune centinaia di metri è in corso una contestazione tenuta a distanza da un ampio cordone di forze dell’ordine. “Dite al vostro sindaco di invitarmi e vengo”, risponde Renzi dal palco dell’auditorium dell’Svs dove si tiene l’incontro, fuori dal centro città, quando dal pubblico gli chiedono di venire più spesso da queste parti. Parla del referendum e avverte i presenti: “Se al referendum dite ‘No’, dite ‘No’ per sempre – poi si corregge – cioè, formalmente non per sempre”, ma spiega che “è necessario votare “sì” adesso perché domani sarà troppo tardi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Referendum? Io ho già votato”. Ecco come fa un italiano all’estero, tra buste anonime e rischio brogli

next
Articolo Successivo

De Luca, l’eurodeputato dalemiano Paolucci: “Se vedo clientele sui fondi europei vado in Procura”

next