“E’ arrivato De Luca. Non hai fatto dichiarazioni oggi, vero? Te potessero…”. Così scherza il premier Matteo Renzi a un’iniziativa per il Sì a Caserta, quando vede comparire in platea il presidente della Campania. “E’ arrivato in ritardo ma l’importante è che non stesse facendo dichiarazioni pubbliche… Mi è toccato difenderti ieri”, aggiunge. E qualcuno dalla platea urla ‘gli vogliamo bena’: “Gli vogliamo bene – replica Renzi – e vogliamo bene anche alla Bindi. Lui gliene vuole più di noi, ma anche noi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Luca, c’è il referendum: Renzi silenzia e perdona per insulti e clintelismo

next
Articolo Successivo

M5s Palermo, tra firme anche quella del genero di Borsellino: “Non ricordo di aver firmato”. Attivisti saranno parte civile

next