“E’ arrivato De Luca. Non hai fatto dichiarazioni oggi, vero? Te potessero…”. Così scherza il premier Matteo Renzi a un’iniziativa per il Sì a Caserta, quando vede comparire in platea il presidente della Campania. “E’ arrivato in ritardo ma l’importante è che non stesse facendo dichiarazioni pubbliche… Mi è toccato difenderti ieri”, aggiunge. E qualcuno dalla platea urla ‘gli vogliamo bena’: “Gli vogliamo bene – replica Renzi – e vogliamo bene anche alla Bindi. Lui gliene vuole più di noi, ma anche noi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

De Luca, c’è il referendum: Renzi silenzia e perdona per insulti e clintelismo

prev
Articolo Successivo

M5s Palermo, tra firme anche quella del genero di Borsellino: “Non ricordo di aver firmato”. Attivisti saranno parte civile

next