“E’ arrivato De Luca. Non hai fatto dichiarazioni oggi, vero? Te potessero…”. Così scherza il premier Matteo Renzi a un’iniziativa per il Sì a Caserta, quando vede comparire in platea il presidente della Campania. “E’ arrivato in ritardo ma l’importante è che non stesse facendo dichiarazioni pubbliche… Mi è toccato difenderti ieri”, aggiunge. E qualcuno dalla platea urla ‘gli vogliamo bena’: “Gli vogliamo bene – replica Renzi – e vogliamo bene anche alla Bindi. Lui gliene vuole più di noi, ma anche noi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Luca, c’è il referendum: Renzi silenzia e perdona per insulti e clintelismo

next
Articolo Successivo

M5s Palermo, tra firme anche quella del genero di Borsellino: “Non ricordo di aver firmato”. Attivisti saranno parte civile

next