“Temo che tra qualche anno qualcuno possa considerare questa riforma come un attentato alla Costituzione”. Con queste parole il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano è intervenuto nel corso di un’assemblea organizzata dal Comitato per il No a Torino insieme al professor Gustavo Zagrebelsky: “Questa riforma è il punto conclusivo di una vicenda sviluppatasi per alcuni decenni e serve a consolidare e non a riformare. Se vince il no, si riaprirà lo spazio per la politica”. Zagrebelsky è tornato anche sulla comparsata di Matteo Renzi a Che tempo che fa con il traino dei Coldplay: “E’ una presa per i fondelli”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sondaggi elettorali La7, il No cresce in vista del referendum: 39,2%, oltre 4 punti di vantaggio sul Sì

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale: 4 dicembre, diciamo No al Trumpino di casa nostra

next