“Temo che tra qualche anno qualcuno possa considerare questa riforma come un attentato alla Costituzione”. Con queste parole il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano è intervenuto nel corso di un’assemblea organizzata dal Comitato per il No a Torino insieme al professor Gustavo Zagrebelsky: “Questa riforma è il punto conclusivo di una vicenda sviluppatasi per alcuni decenni e serve a consolidare e non a riformare. Se vince il no, si riaprirà lo spazio per la politica”. Zagrebelsky è tornato anche sulla comparsata di Matteo Renzi a Che tempo che fa con il traino dei Coldplay: “E’ una presa per i fondelli”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi elettorali La7, il No cresce in vista del referendum: 39,2%, oltre 4 punti di vantaggio sul Sì

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale: 4 dicembre, diciamo No al Trumpino di casa nostra

next