Il braccio di ferro va avanti da quasi un anno. Da un lato c’è il governo, che vuole introdurre una normativa nazionale per regolamentare l’offerta di gioco d’azzardo. Dall’altra ci sono Comuni e Regioni che chiedono al premier Matteo Renzi di non cancellare i divieti introdotti finora per arginare la piaga della ludopatia. Intanto il sindacato dei tabaccai ha fatto partire il primo esposto-denuncia alla Corte dei Conti contro il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori (Pd) – ma altri sono in preparazione in Toscana, Piemonte, Veneto e Roma, dove la sindaca Virginia Raggi ha annunciato che il centro storico della Capitale “sarà off limits alle slot machine” – che imponendo un’ordinanza molto restrittiva a slot machime, scommesse e lotterie causerebbe un danno erariale agli esercenti. Ne “La Rapina“, la puntata di Servizio Pubblico Più andata in onda il 19 gennaio 2014, dedicata al gioco d’azzardo Stefano Bianchi e Paolo Santolini hanno realizzato un viaggio dentro il grande affare delle slot machine e dei giochi di Stato fra concessionarie pubbliche vicine ai politici e condoni, gestori in odore di mafia e giocatori seriali rovinati dalle macchinette. Ecco le testimonianze dei giocatori d’azzardo patologici, che in Italia sono più di 800mila per solo due comunità specializzate nella cura accreditate con il servizio sanitario nazionale: “E’ come una droga, il denaro è la sostanza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Robinù, il film al cinema il 6 e 7 dicembre. Santoro sarà in collegamento con le sale

prev
Articolo Successivo

Migranti, ‘I vivi o i morti di Lampedusa’: reportage dal centro di accoglienza

next