“Molti ci dicono che potevamo lasciarla morire, con tutte le volpi che ci sono, cosa avrà avuto di speciale…” così Davide Revello e sua moglie Barbara ripercorrono i ricordi dei sei mesi trascorsi con MaPi, la volpacchiotta che hanno salvato da morte certa grazie all’aiuto dell’Enpa di Savona, e poi hanno accudito fino alla sua completa indipendenza. Proprio come nel “Piccolo Principe” di Saint Exupéry: “Non è stato facile dire addio alla volpe, nei mesi trascorsi insieme si era creato un legame fortissimo, quasi simbiotico.” Aggiunge Davide: “È sempre rimasta se stessa, selvatica, e ogni volta che accettava il nostro aiuto era come un regalo, un dono che non dimenticheremo mai. Avevamo degli appuntamenti fissi, quasi rituali, come le coccole prima di andare a dormire, andava matta per giocare con i cuscini sul divano, e mangiava a tutte le ore del giorno”. La volpe era stata affidata alla coppia che vive a Santa Giulia, una frazione della Val Bormida nel comune di Dego (Sv), perché “senza un occhio e l’imprinting materno, era ritenuta non autosufficiente e in pericolo di vita” invece, “in pochi mesi di convivenza l’abbiamo vista rinascere, guardava sempre più spesso fuori dalla finestra e quando usciva nel bosco tornava sempre meno frequentemente. Un giorno MaPi è entrata un’ultima volta in casa, ci ha guardato in modo diverso dalle altre volte, quasi a volerci salutare, ed è tornata per sempre nel bosco. Ora le lasciamo una ciotola con il suo cibo preferito in giardino, ogni tanto passa e ci saluta, si lascia avvicinare e accarezzare, si vede che ricorda quello che c’è stato ed è rimasto il legame, ma è tornata libera, ora guardiamo ai boschi, fuori dalla finestra, con una strana sensazione di felicità, nell’indelebile ricordi dei momenti trascorsi insieme a MaPi

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trenitalia, sequestrati a Bari otto treni: “Sversano sulle rotaie liquami dei bagni”. Indagato il responsabile manutenzione

next
Articolo Successivo

Agrigento, arrestato l’avvocato Giuseppe Arnone per estorsione. Il legale: “Ci sono documenti che dimostrano estraneità”

next