“Molti ci dicono che potevamo lasciarla morire, con tutte le volpi che ci sono, cosa avrà avuto di speciale…” così Davide Revello e sua moglie Barbara ripercorrono i ricordi dei sei mesi trascorsi con MaPi, la volpacchiotta che hanno salvato da morte certa grazie all’aiuto dell’Enpa di Savona, e poi hanno accudito fino alla sua completa indipendenza. Proprio come nel “Piccolo Principe” di Saint Exupéry: “Non è stato facile dire addio alla volpe, nei mesi trascorsi insieme si era creato un legame fortissimo, quasi simbiotico.” Aggiunge Davide: “È sempre rimasta se stessa, selvatica, e ogni volta che accettava il nostro aiuto era come un regalo, un dono che non dimenticheremo mai. Avevamo degli appuntamenti fissi, quasi rituali, come le coccole prima di andare a dormire, andava matta per giocare con i cuscini sul divano, e mangiava a tutte le ore del giorno”. La volpe era stata affidata alla coppia che vive a Santa Giulia, una frazione della Val Bormida nel comune di Dego (Sv), perché “senza un occhio e l’imprinting materno, era ritenuta non autosufficiente e in pericolo di vita” invece, “in pochi mesi di convivenza l’abbiamo vista rinascere, guardava sempre più spesso fuori dalla finestra e quando usciva nel bosco tornava sempre meno frequentemente. Un giorno MaPi è entrata un’ultima volta in casa, ci ha guardato in modo diverso dalle altre volte, quasi a volerci salutare, ed è tornata per sempre nel bosco. Ora le lasciamo una ciotola con il suo cibo preferito in giardino, ogni tanto passa e ci saluta, si lascia avvicinare e accarezzare, si vede che ricorda quello che c’è stato ed è rimasto il legame, ma è tornata libera, ora guardiamo ai boschi, fuori dalla finestra, con una strana sensazione di felicità, nell’indelebile ricordi dei momenti trascorsi insieme a MaPi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trenitalia, sequestrati a Bari otto treni: “Sversano sulle rotaie liquami dei bagni”. Indagato il responsabile manutenzione

prev
Articolo Successivo

Agrigento, arrestato l’avvocato Giuseppe Arnone per estorsione. Il legale: “Ci sono documenti che dimostrano estraneità”

next