“Ho scelto di essere vegetariano, perché la carne che mangiamo può diventare una bomba a orologeria per il nostro pianeta”. Così Umberto Veronesi, fondatore e guida fino all’ultimo della Fondazione che porta il suo nome, divenuta negli anni punto di riferimento per la cura dei tumori a livello internazionale, morto all’età di 90 anni, si esprimeva ad Announo con Giulia Innocenzi dopo aver visto l’inchiesta sugli allevamenti intensivi dei maiali in Pianura Padana. Da sempre, infatti, l’oncologo è stato anche a sostegno della salute animale e del vegetarianismo, diventando egli stesso vegetariano e pronunciandosi contro il consumo di carne. “Questi non sono animali, ma macchine di trasformazione. Gli allevamenti intensivi sono lager? Non mi sorprende, fa parte del gioco al massacro”, aveva spiegato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump, Briatore: “Con lui c’è la gente normale. I media non capiscono un ca…”

next
Articolo Successivo

Robinù, il film al cinema il 6 e 7 dicembre. Santoro sarà in collegamento con le sale

next