Il 25 agosto scorso arrivò l’annuncio della scoperta un’altra Terra potenzialmente abitabile a 4,2 anni luce da noi. La rivista Nature parlava anche della possibilità che ci fosse acqua. E a distanza di tre mesi arriva una simulazione che sembra confermare questa ipotesi.

Proxima b è un pianeta potenzialmente abitabile e orbita intorno alla stella più vicina al sistema solare, cioè Proxima Centauri, è grande 1,3 volte il nostro pianeta e ha una temperatura compatibile, appunto, con l’esistenza dell’acqua sulla sua superficie.

Lo studio su Nature

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Umberto Veronesi, scienziato e libero pensatore. Il ricordo dei colleghi: “Un baluardo, punto di riferimento per la laicità delle Istituzioni”

next
Articolo Successivo

Super Luna 2016, anche la Nasa attende l’appuntamento: la più luminosa degli ultimi 68 anni

next