Il 25 agosto scorso arrivò l’annuncio della scoperta un’altra Terra potenzialmente abitabile a 4,2 anni luce da noi. La rivista Nature parlava anche della possibilità che ci fosse acqua. E a distanza di tre mesi arriva una simulazione che sembra confermare questa ipotesi.

Proxima b è un pianeta potenzialmente abitabile e orbita intorno alla stella più vicina al sistema solare, cioè Proxima Centauri, è grande 1,3 volte il nostro pianeta e ha una temperatura compatibile, appunto, con l’esistenza dell’acqua sulla sua superficie.

Lo studio su Nature

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Umberto Veronesi, scienziato e libero pensatore. Il ricordo dei colleghi: “Un baluardo, punto di riferimento per la laicità delle Istituzioni”

prev
Articolo Successivo

Super Luna 2016, anche la Nasa attende l’appuntamento: la più luminosa degli ultimi 68 anni

next