“E’ importante difendere la privacy se ci riferiamo a cittadini comuni, mentre quando parliamo di politici o di società che hanno un impatto pubblico dobbiamo esporli”. Da oltre quindici anni, l’artista concettuale Paolo Cirio indaga i temi della privacy e della sorveglianza di massa su Internet attraverso le sue opere esposte al “515 Creative Shop” di Torino fino al 12 novembre. Nella serie “Overexposed” l’artista, mediante azioni di “spionaggio creativo”, ha sottratto dai social network fotografie di alti funzionari governativi americani trasformandole in stencil disseminati sui muri delle più importanti città del mondo. In “StreetGhosts”, Cirio ha ricollocato una serie di fotografie di persone riprese da Street View negli stessi luoghi in cui sono state scattate.:“Molte persone si scandalizzano quando vedono il poster per strada, ma non pensano che queste immagini sono visibili online da milioni di persone ogni giorno”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pugni in faccia alle anziane a Milano, rapinatore in manette. Ecco i video delle sue aggressioni

prev
Articolo Successivo

Nardò (Le), mensa sospesa nelle scuole. Tracce di salmonella nel centro cottura

next