La ricostruzione 3D realizzata dai ricercatori dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia che mostra l’onda di propagazione del sisma di magnitudo 6.5 del 30 ottobre

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terremoto, a Fabriano gli sfollati passano la notte in treno: “La paura è tanta”

prev
Articolo Successivo

Terremoto, le prime chiamate ai carabinieri dopo il sisma: “Qui è crollato tutto. Aiutateci”

next