“Io credo che Renzi abbia un problema a catturare il voto dei giovani che lui aveva affascinato dando la scalata ad un partito che non sembrava scalabile”. Così il direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio a 8 e mezzo, dopo che la rivista musicale Rolling Stone ha dedicato una copertina al premier italiano in cui ha dichiarato di essere un’antirockstar e un boy scout: “Renzi cerca di frequentare luoghi giovani travestendosi da boy scout. Questi tentativo di travestimento non è nuovo – continua Travaglio – anche Berlusconi cercava di dire che non era un politico ma un imprenditore, in realtà sono tutti politici quando fanno politica. Io credo che i ragazzi più sono giovani più si informano sul web”, prosegue il giornalista facendo riferimento ad un sondaggio in cui siano più propensi a votare No alla riforma costituzionale: “Gli anziani si informano soprattutto sulla televisione dove c’è uno strabordare del premier, mentre sul web c’è un altro tipo di informazione in cui si capisce che in realtà è un cambiamento del gambero”. Affermazioni in controtendenza con il giornalista de Il Sole 24ore Cristian Rocca: “Non bisogna macchiettizzare il voto al senato perchè si sa che è la fine del bicameralismo paritario perchè il senato sarà il rappresentante delle regioni” che danno via ad un vivace vis-a-vis fino a quando Travaglio conclude spiegando con dovizia di particolare l’articolato disposto: “Tu vuoi chiedere ai giovani che vanno a votare per la prima volta levandogli la scheda del senato mandando a fare i senatori quelli che fanno un altro mestiere? E’ assurdo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Profughi: parla nonna Elena, leader delle proteste di Gorino: “Neri meno intelligenti dei bianchi”

next
Articolo Successivo

Crozza: “Renzi su Rolling Stone? E’ come Michael Bublé col parrucchino di Macario”

next