Con un trailer di 3 minuti Nintendo svela al mondo la sua nuova console: Nintendo Switch un ibrido che all’occorrenza diventa casalinga o portatile. Dovrebbe arrivare sul mercato a Marzo 2017.

Non è stata ancora diffusa alcuna specifica tecnica ma dal video si può vedere che il core della console è un mini tablet (azzardiamo dimensioni tra i 6 e i 7 pollici, si vocifera da mesi che sia spinto da un SoC NVIDIA) che inserito in un’apposita docking station collegata alla TV diventa una console casalinga il cui controller è composto da due mini controller agganciati ad un apposito supporto. In portabilità invece le modalità d’uso diventano molteplici, si possono agganciare i due mini controller ai lati dello schermo rendendola una vera o propria console “mobile” o, avendo un piano a disposizione, appoggiarla grazie al supportino integrato e usarla con il controller casalingo (o anche impugnando separatamente i due mini controller).

Le cose sembrano diventare ancora più interessanti per quanto riguarda il multiplayer: i due mini controller possono in mobilità funzionare in modo indipendente permettendo a due giocatori di giocare in split screen usando lo schermo della console stessa e, sempre da quanto si può vedere nel video, di giocare in quattro sfruttando due Switch.

Il video fa una panoramica su vari titoli e, oltre ai vari Super Mario e Zelda di Nintendo stessa, pare che si candidino ad essere presenti titoli da terze parti di maggior prestigio rispetto a quelli che sono disponibili per l’attuale console della casa nipponica (in alcuni frangenti sembra di intravedere Skyrim o un gioco simile ad esso).

Che sia la volta buona per il rilancio di Nintendo in ambito casalingo?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milan Games Week 2016, presenti tutti i grandi produttori. Le nostre impressioni

prev
Articolo Successivo

Twitter siamo noi. Compriamolo

next