“Al presidente russo Vladimir Putin piacerebbe un ‘burattino’ come Donald Trump alla Casa Bianca e per questo sta cercando di interferire nelle elezioni americane”. Lo ha dichiarato Hillary Clinton durante il terzo e ultimo dibattito presidenziale facendo riferimento al recente rapporto dell’intelligence secondo cui Mosca sarebbe responsabile degli attacchi hacker al partito Democratico. Dal canto suo Trump, che ha riconosciuto il suo rispetto per la “fermezza” del leader russo, le ha risposto di essere lei a sua volta una “marionetta”. “A Clinton non piace Putin – ha spiegato il candidato repubblicano – è stato più furbo di lei e di Obama, in Siria e in Ucraina”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Usa 2016, Clinton: ”Trump è il candidato più pericoloso della storia”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Usa 2016, Trump vs Clinton: “In caso di sconfitta? Non so se accetterò l’esito del voto”

next