“Questo è il momento cruciale per la democrazia nel nostro Paese e tutti i cittadini ‘partigiani della Costituzione’ come mi sono sempre definito devono scendere in campo: la controriforma Renzi-Boschi-Napolitano contiene un furto di democrazia. Questo è un attacco al cuore della costituzione e alla sovranità popolare”. Antonio Ingroia, ex magistrato, oggi avvocato, ha presentato il libro: “Dalla Parte della Costituzione” a Roma. “I cittadini diranno un forte ‘No’ contro i poteri politici e finanziari che spingono per il sì – afferma Ingroia, che critica – la centralizzazione del potere nelle mani di un uomo solo, cioè la stessa riforma proposta da Licio Geli del ‘Piano di Propraganda Democratica’, la stessa di Bettino Craxi, la stessa di Silvio Berlusconi e prima di lui, la setssa che voleva Cossiga: quello che si vuole è mani libere ad un solo uomo condizionabile dai poteri economico-finanziari che dominano l’Italia, l’Europa ed il mondo”. Alla presentazione del libro, oltre a Carlo Freccero e Antonio Padellaro, presente anche Vauro che alla richiesta di un spot per il Sì risponde con una sonora pernacchia e poi motiva il suo voto contrario alla riforma costituzionale

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riforme, Mirello Crisafulli uomo sandwich per il Sì. E lo storico nemico Faraone scende a Enna come guest star

prev
Articolo Successivo

Referendum Costituzionale, l’allarme di Assopetroli: “Senza riforma andiamo tutti a gambe all’aria”

next