Serata dedicata a ‘Le ragioni delle donne per il Sì’ a Palazzo Campitelli a Roma, alla presenza del Ministro per le Riforme Costituzionale e per i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi. Gli interventi – tutti al femminile – in sostegno del Sì al referendum costituzionale, sottolineano come la riforma promuove il principio della democrazia paritaria sul piano parlamentare – art. 55 – e richiamandone il rispetto per le Assemblee regionali – art. 122. Maria Delfina Gandolfo, segretario generale di AssopetroliAssoenergia afferma che: “Non capisco come ora che qualcuno ci dà la possibilità di cambiare noi non corriamo a cogliere questa opportunità non soltanto per noi, ai nostri figli, ma anche all’industria a tutte le aziende che io rappresento. Il mio presidente lo ha detto nell’assemblea annuale: o abbiamo riforme chiare o andiamo tutti a gambe all’aria”. Per la Gandolfo le dichiarazioni a favore del sì al referendum costituzionale dell’ambasciatore degli Stati Uniti e del Presidente Obama “non sono ingerenze, sono dati di fatto: o mandiamo un segnale chiaro al nostro Paese, ai nostri figli e all’estero, o non cambierà mai. L’Italia può cambiare con l’aiuto delle donne”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, Ingroia: “No all’uomo solo al comando come voleva Gelli”. Vauro: “Spot per il Si? Prrrrrr”

prev
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, Boschi: “Nel fronte del No non ci sono donne in prima linea”

next