Di nuovo il Washington Post, di nuovo una gola profonda, di nuovo un repubblicano. Questa volta non è un presidente, ma un candidato. Ma è di nuovo il giornale della Capitale a tirare fuori lo scoop che può essere decisivo per i destini della Casa Bianca. Con un articolo e un video che – con accessi sul giornale online da record – hanno provocato il pandemonio nel partito repubblicano, fino all’ipotesi di sostituire in corsa il candidato a presidente degli Stati Uniti. Alle 11 l’imbeccata della “gola profonda”, alle 17 il pezzo sul sito. E’ nato tutto così, con una segnalazione anonima al giornalista del Washington Post David Fahrenthold.

wp-trumpUna deep throat, come ai tempi di Tutti gli uomini del Presidente, che nel caso di Trump, secondo molti osservatori, potrebbe aver inflitto un colpo mortale alle ambizioni di strappare la presidenza ai democratici. Lo scoop è stata la seconda “sorpresa d’ottobre” arrivata attraverso una fonte anonima: la settimana scorsa il New York Times aveva messo in piazza la dichiarazione dei redditi 1995 di Trump arrivata nella casella postale di una reporter in una busta senza mittente. E tra Washington Post e Trump da mesi non corre buon sangue. Quando era in corsa per le primarie, il miliardario aveva messo al bando il quotidiano dai suoi comizi accusandolo di partigianeria.

Questa volta, in ogni caso, Fahrenthold e il direttore Marty Baron, viste le immagini e il linguaggio crudo, non hanno esitato. “E’ raro trovare qualcosa di nuovo su Trump”, ha spiegato il giornalista: “Stavolta non sono solo commenti sessisti sull’avvenenza o meno di una donna, ma qualcosa che riguarda direttamente il suo comportamento”.

Per il Post è stata una corsa contro il tempo: anche Access Hollywood, che aveva trovato il video nei suoi archivi, stava preparandosi per andare in onda. L’articolo, una volta apparso sul sito, è stato uno dei più cliccati nella storia online del giornale con 100mila lettori in contemporanea a un certo punto della serata.

La storia ha fatto danni collaterali provocando critiche anche nei confronti di Billy Bush, il conduttore di Access Hollywood che oggi lavora a Today della Nbc e che nel video asseconda Trump nelle sue volgarità. Osservando che Today ha un vasto seguito tra le donne, molti spettatori ne hanno chiesto le dimissioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Usa 2016, il candidato vice di Trump: “Indifendibile sulle frasi su donne”. Ma lui: “Chi mi vuole fuori è l’establishment”

prev
Articolo Successivo

Trump, rivolta dei candidati repubblicani: “Il Gop non è uno spogliatoio, ora deve lasciare”. Lui: “Ipocriti moralisti”

next