Sono stati uccisi nel pomeriggio sotto gli occhi dei tanti passanti che attraversavano il quartiere Miano, alla periferia di Napoli. Domenico Sabatino, 40 anni e Salvatore Corrado, 37 anni, sono morti in vico Cotugno dopo essere stati colpiti da un caseggiato in lontananza. Secondo le prime ricostruzione degli agenti della squadra mobile, i due uomini appartenevano al clan camorristico Lo Russo, che per anni ha controllato la zona dove è avvenuto l’agguato.

Sabatino in passato era stato denunciato per reati contro il patrimonio, mentre Corrado era già noto per spaccio di stupefacenti e destinatario di un mandato di cattura perché irreperibile dopo aver lasciato una casa di lavoro a Chieti. A terra sono stati ritrovati otto bossoli e uno scooter, a bordo del quale probabilmente viaggiavano le due vittime.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Omicidio nel Veronese, ristoratore legato e ammazzato di botte in casa

prev
Articolo Successivo

Yara Gambirasio, Bossetti condannato ‘oltre ogni ragionevole dubbio’?

next