Sono stati uccisi nel pomeriggio sotto gli occhi dei tanti passanti che attraversavano il quartiere Miano, alla periferia di Napoli. Domenico Sabatino, 40 anni e Salvatore Corrado, 37 anni, sono morti in vico Cotugno dopo essere stati colpiti da un caseggiato in lontananza. Secondo le prime ricostruzione degli agenti della squadra mobile, i due uomini appartenevano al clan camorristico Lo Russo, che per anni ha controllato la zona dove è avvenuto l’agguato.

Sabatino in passato era stato denunciato per reati contro il patrimonio, mentre Corrado era già noto per spaccio di stupefacenti e destinatario di un mandato di cattura perché irreperibile dopo aver lasciato una casa di lavoro a Chieti. A terra sono stati ritrovati otto bossoli e uno scooter, a bordo del quale probabilmente viaggiavano le due vittime.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio nel Veronese, ristoratore legato e ammazzato di botte in casa

next
Articolo Successivo

Yara Gambirasio, Bossetti condannato ‘oltre ogni ragionevole dubbio’?

next