Il 18 aprile del 2014 era stato condannato a 10 anni e mezzo. Ma oggi la Corte d’Appello di Milano ha dimezzato la pena a 5 anni e 10 mesi per Massimo Ponzoni, ex assessore regionale lombardo alla Protezione civile e all’Ambiente, arrestato nel 2012 e che era imputato per un totale di venti capi di imputazione, dalla bancarotta al peculato fino alla corruzione.

Ponzoni, difeso dai legali Luca Ricci e Sergio Spagnolo, è stato, però, assolto in secondo grado dalla secondo sezione della Corte d’Appello (Piffer-Lo Curto-Galli) da sedici dei 20 capi di imputazione contestati. In particolare, l’ex assessore è stato condannato in relazione al crac di due società, Immobiliare Mais e Pellicano, per un episodio di presunta corruzione legato al piano attuativo di un centro commerciale del Comune di Desio (Monza e Brianza) e per le informazioni riservate che avrebbe ottenuto da un ex carabiniere. L’ex politico del Pdl, invece, è stato assolto “perché il fatto non sussiste” da una serie di ipotesi di corruzione riguardanti il PGT (piano di governo del territorio) di Desio. L’appello della Procura sulla presunta corruzione relativa al Comune di Giussano è stato, poi, respinto e sono cadute anche le accuse di concussione, induzione indebita e peculato, oltre ad altre ipotesi di bancarotta.

I legali di Ponzoni hanno espresso “soddisfazione” per “l’accoglimento di larga parte dell’impugnazione da loro proposta: sedici dei venti capi d’impugnazione” e hanno definito “stravolta” la sentenza del Tribunale di Monza del 2014. Oltre ad esprimere “il proprio compiacimento per avere la Corte d’Appello ritenuto i PGT di Desio e di Giussano legittimi, con conseguente annullamento delle condanne perché i fatti corruttivi contestati non sussistono e rigetto dell’appello del Pm per Giussano. Sui capi della sentenza per i quali vi è stata conferma, anch’essi controversi ed oggetto di specifiche censure – hanno concluso i difensori – ci riserviamo di sottoporre le relative questioni al vaglio della Suprema Corte di Cassazione”. In secondo grado, tra l’altro, è stato assolto il geometra Rosario Perri, mentre sono stati condannati per il presunto episodio corruttivo del piano di attuazione di Desio l’ex assessore all’Urbanistica del Comune, Antonio Brambilla (3 anni) e il presunto intermediario Filippo Duzioni (2 anni e 6 mesi). È stata dichiarata, invece, la nullità del decreto che ha disposto il giudizio per la bancarotta in concorso contestata al commercialista Franco Riva, con gli atti trasmessi ai pm di Monza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, sfrattata provocò esplosione per vendetta: 84enne condannata per omicidio colposo

prev
Articolo Successivo

Csm, nuovo regolamento: più trasparenza su nomine e stop alle nomine a pacchetto. Legnini: “Così correnti meno forti”

next