Polemica accesa a L’Aria che Tira (La7) tra il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Ferruccio Sansa, e il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, sulla gestione dei migranti e sullo scontro tra Renzi e Ue al vertice di Bratislava. A innescare il vis-à-vis è Luigi Marattin, consigliere economico Pd a Palazzo Chigi, che spiega: “E’ difficile decidere se un migrante è profugo di guerra o no. Invito tutti voi, quando vi trovate davanti un migrante, a provare a capire. Mica c’ha scritto in faccia “profugo di guerra”“. “O morto di fame“, replica la conduttrice Myrta Merlino. “Abbiamo fatto tutto il possibile per far funzionare le varie commissioni” – continua Marattin – “Il diavolo sta nei dettagli, sono robe magari noiose”. Sansa osserva, a proposito del distinguo “profugo di guerra” e “morto di fame”: “Io inviterei tutti, e in primis me stesso, a passare una sola giornata senza mangiare. E credo che la distinzione tra “profugo” e “semplice disperato” diventi poco importante”. “E allora dia da mangiare ai migranti a casa sua” – replica Gasparri- “Ci sono milioni di persone che hanno fame nel mondo. Non è che li mandiamo tutti nei Comuni italiani. Se li porti a casa sua quelli che hanno fame. I sindaci fanno bene a non prenderli più“. “Lei dovrebbe ringraziare la Provvidenza” – ribatte Sansa – “C’è gente che muore di fame e lei ha uno stipendio da senatore: dovrebbe andare dalla Madonna di Sacrofano a ringraziare per aver uno stipendio anche molto lauto e per motivi che sono tra i più incomprensibili“. “Lei pensi alle sue vicende e a quelle di tutti i suoi sodali”, controbatte il vicepresidente del Senato. “Lei è la prova che la Provvidenza non ha davvero limite”, commenta il giornalista

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crozza: “Per Poletti è occupato chi lavora un’ora a settimana. Come contare tra i romanzieri chi scrive post su Facebook”

prev
Articolo Successivo

Fertility Day, Renzi a Travaglio: “Dimissioni Lorenzin? Non scherziamo”. “Fatela seguire da uno bravo”

next