vaccini 675 275

Il ruolo dei vaccini
Un’altra risorsa su cui puntare per contrastare il fenomeno dell’antibiotico-resistenza, secondo Mantovani, sono i vaccini. Lo scienziato cita due esempi. Il primo riguarda lo pneumococco. “Ho lavorato nel board della Global alliance for vaccines and immunization (Gavi), che punta a salvare i bimbi che muoiono per mancanza di vaccini nei Paesi più poveri del mondo. In quest’ambito – spiega lo scienziato -, è partita un’iniziativa italiana sull’anti-pneumococco, che si è dimostrato in grado di proteggere e salvare vite umane, ma anche di determinare una diminuzione dei ceppi resistenti. Con il risultato che diventa meno necessario l’uso di antibiotici”. L’altro esempio citato dallo studioso italiano riguarda i virus influenzali, che sopprimono le difese immunitarie e rendono un individuo più esposto alle infezioni batteriche. “Infatti – spiega Mantovani -, non si muore d’influenza, ma per le infezioni batteriche associate all’influenza. Se ci vaccinassimo di più, si userebbero meno antibiotici”.

La comparsa della resistenza agli antibiotici, del resto, è un esempio di come opera l’evoluzione in Natura su ogni specie esistente. Come ci ha insegnato Charles Darwin, in presenza di condizioni ambientali mutevoli, la selezione naturale tende a premiare gli organismi più adattati a sopravvivere alle mutate condizioni esterne. Nel caso dei batteri, l’esposizione continua agli antibiotici, premia quindi quei ceppi microbici che sono stati capaci di sviluppare nuove armi per bypassare l’azione dei farmaci.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alzheimer, “nei prossimi vent’anni una famiglia italiana su quattro avrà un parente malato”

next
Articolo Successivo

Epilessia, individuato un marcatore in grado di segnalare lo stato iniziale della malattia

next