batterio-killer-675

Il film dell’evoluzione della resistenza agli antibiotici
Un meccanismo che i ricercatori dell’Harvard medical school di Boston, insieme ai colleghi del Technion-Israel institute of technology, sono riusciti a osservare e filmare in diretta. Gli scienziati, come descritto in uno studio pubblicato su Science, hanno realizzato un video che mostra come i batteri, sottoposti a dosi sempre più crescenti del farmaco, sviluppino, nell’arco di pochi giorni, la resistenza agli antibiotici.

“È una dimostrazione di quanto sia facile per un batterio diventare resistente agli antibiotici”, sottolinea Roy Kishony, uno degli autori della ricerca. “Le resistenze pre-esistono rispetto agli stessi antibiotici e sono da essi selezionate – spiega Stefania Stefani, microbiologa dell’Università di Catania e vice presidente della Società italiana di microbiologia (Sim) -. La resistenza è un fenomeno molto complesso, plurifattoriale, legato sì all’abuso e al maluso degli antibiotici, ma assolutamente insito nella natura stessa dei batteri. Per modificarlo, quindi – conclude la studiosa -, occorre adottare strategie diversificate, che possano agire su vari livelli”. La Società europea di microbiologia clinica (Escmid) parla di rischio “Armageddon antibiotici”, con oltre 1 milione di morti attesi nel 2025 in Europa. Spetta adesso all’Assemblea generale Onu individuare soluzioni concrete per far sì che queste stime restino solo sulla carta.

Lo studio su The Lancet Infectious Diseases

Il report Usa pubblicato su Antimicrobial Agents and Chemotherapy 

L’indagine di Eurobarometro sull’uso di antibiotici

Lo studio su Science

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alzheimer, “nei prossimi vent’anni una famiglia italiana su quattro avrà un parente malato”

next
Articolo Successivo

Epilessia, individuato un marcatore in grado di segnalare lo stato iniziale della malattia

next